Home | Domande e risposte | Contatti

Comunità di recupero per la dipendenza da cocaina

Missione | La storia | Struttura | Staff | Fotografie
Tossicodipendenza | Comportamenti tipici | Aspetti biochimici | Statistiche | Testimonianze dei medici
Astinenza | TR rieducativi | Saune | Percezione | Alti e bassi | Integrità e valori personali | Condizioni | Via della felicitÓ
Ragazzi | Genitori | Staff | Collaboratori
Cos'è la droga | Perchè la si usa | Come accorgersene | Parlarne ai ragazzi | Droghe: il glossario | Contatti

Cocaina

Dipendenza da cocaina

Storia della cocaina

L’uso abituale di farmaci capaci di alterare le facoltà mentali dell’uomo è un fenomeno storicamente antichissimo, esteso a civiltà differenti e ai più diversi gruppi etnici.

Così la presenza di cocaina accanto a teschi trapanati ritrovati in antiche tombe peruviane e nei capelli di mummie cilene del 2000 a.C. aiuta a comprendere come l’uso di questa sostanza sia antichissimo. Sacchetti di corda contenenti foglie , fiori e anche una forma masticata di coca sono stati ritrovati in corredi funebri antecedenti al 2500 a.C., venuti alla luce ad Huaca Prieta, sulla costa settentrionale del Perù.

La lavorazione della cocaina

La cocaina è presente come alcaloide nelle piante appartenenti alla famiglia delle eritroxilacee e, in maggior quantità, nell’Eritroxylum Coca e nell’Eritroxylum Novogranatense, due arbusti a crescita spontanea del Sud America.
La prima fase di lavorazione della cocaina partendo dalle foglie consiste nell’estrazione della cosiddetta “pasta di coca”, ovvero “cocaina grezza”, costituita da una miscela di tutti gli alcaloidi con un contenuto in cocaina pari a circa i due terzi del totale. Tale pasta viene prodotta trattando le foglie secche con acido solforico diluito e precipitando dalla soluzione risultante gli alcaloidi in forma di basi, facendo uso di sodio carbonato.

La pasta di coca viene spesso esportata e venduta in questa forma.
Si presenta come un ammasso biancastro o marrone: viene assunta tramite fumo inserendone una porzione nell’estremità di una sigaretta confezionata con tabacco o mariyuana oppure in pipe.
La cocaina grezza viene purificata con diverse modalità. Un metodo estrattivo prevede che questa venga sciolta in alcool e successivamente neutralizzata con acido solforico. Il cloridrato di cocaina, che è poco solubile, precipita allo stato cristallino per aggiunta di acido cloridrico.
La forma più diffusa nel mercato clandestino è la cocaina cloridrato, dal tipico aspetto bianco, cristallino, amaro, molto solubile in alcool, poco in acqua fredda.
Il cloridrato di cocaina può essere dunque iniettato facilmente per via sottocutanea, intramuscolare, endovenosa.

Leggi anche modi di assunzione

- - -

Consulenza immediataSe conosci qualcuno che ha problemi di droga o alcol c'è qualcosa che puoi fare subito. Chiama il 800 18 94 33 dalle 9 alle 23.

Home page Copyrights | Mappa del sito | Contatti | ©2006 Ass. Narconon Astore Onlus - P.IVA 01285790414